A qualcuno piace grezzo

Lo ammetto, a vivere nelle pianure del Nord ci sono dei vantaggi: quando vai in pescheria ti puliscono il pesce. Può dirsi, senza adulazione alcuna, che questa sia una civilissima convenzione, segno di urbanità antica. Dove il pesce è un fatto quotidiano e non (solo) prelibatezza esotica (e, in fondo, sempre un po’ misteriosa come qui), invece, non si usano certe cortesie. Nei posti di mare, specie dalle mie parti, al Sud, chiedere al pescivendolo di “essere puliti il pesce” suonerebbe un po’ come pretendere dal fruttivendolo di essere “sbucciati le mele” e a casa propria. È una cosa che semplicemente non si fa. Capirete il mio stupore, la mia prima volta, quando al banco del pesce una signora gentile mi rivolgeva la domanda «vuole che gliela pulisca?» riferendosi alla spigola che avevo appena scelto. Come?!? E io che mi vedevo già perduto tra scaglie, sbudellamenti e schizzi di umori ittici, e che quindi iniziavo a pentirmi di non aver scelto piuttosto del tonno in scatola, all’improvviso vedevo il mondo con occhi diversi. Non avevo manco dovuto chiederlo, che dico, non lo avevo manco pensato, e il miracolo si realizzava sotto i miei occhi. Che civiltà, che urbanità, che cortesie! Eh, il Nord!

image

Stavolta però, qualcosa non ha funzionato. Avevo chiesto al telefono due chili di sarde sfilettate. Non c’è problema, come al solito. Passo a ritirarle alle sette di sera. Tanto, mi dico, le preparo in un baleno, sono già praticamente pronte. Torno a casa, apro il cartoccio. Le sarde ci sono tutte, sì, freschissime, sì, ma sane come dei pesci, come appena pescate.

AAAARRRRGGGGHHH!

E mo’ che faccio? La cena è prevista alle otto. Non ci sono ospiti, siamo solo il Pitone e io. Ma poi devo lavorare, devo. E poi domani parto, e quindi non se ne parla di lasciarle in frigo. Mannaggiallamiseria, mannaggia, mi tocca pulirle a me. La faccio breve: armato di forbici, faccio quello che ho visto fare milioni di volte alle mie nonne, a mio nonno, a mia madre, a mia zia, alle prozie, alle vicine, che non se lo sono mai manco sognate di chiedere di essere pulite il pesce dal pescivendolo (le sarde poi!) . Le ho pulite io, prima spanzandole e tagliando le teste, poi diliscandole. Due chili, non aggiungo altro. Ah, le civiltà, le cortesie, le urbanità del Nord (puozznomambenn’!).

image

Avevo in animo di preparare una ricetta veloce (no comment), di quelle grezze, dal sapore deciso. Perché a me, come a qualcuno, piace (anche) grezzo:

Sarde in teglia: ricetta grezza

 Ingredienti:

  • 1 Kg di sarde già pulite e diliscate (oppure 2 Kg di sarde intere, se siete in vena);
  • polpa di 4 o cinque pomodori da sugo a pezzetti;
  • pan grattato q. b. (abbondate, ché se ne avanza lo conservate in frigo per le prossime preparazioni);
  • capperi (quantità a piacere);
  • prezzemolo fresco tritato (idem);
  • uno spicchio di aglio (meglio se rosso, e di Sulmona, molto meglio);
  • olio extravergine d’oliva;
  • sale q. b.

Preparazione:

Mescolerete il pan grattato con l’aglio e il prezzemolo tritati, un pizzico di sale e l’olio, sgranando bene con la forchetta e non facendo formare grumi. Ungerete una teglia con olio, spolverandola poi del pan grattato di cui vi ho detto sopra. Su questa base inizierete a disporre i filetti di sarde fino a formare uno strato, che condirete con un po’ di polpa di pomodoro, qualche cappero, un po’ di pan grattato e un filo d’olio.

imageProseguirete poi con un secondo strato, dove procederete allo stesso modo.

image

Finirete poi col terzo strato, che ricoprirete solo del pan grattato e condirete ancora con olio a filo. image

Cuocerete per una ventina di minuti al massimo in forno a 180° (ma i forni suoi ognun li sa), fino a quando non si formi una bella crosta dorata in superficie.

image

Ecco, le Sarde in teglia: ricetta grezza sono pronte. Il Pitone domestico e io le abbiamo accompagnate con del baba ganoush, che magari vi racconterò un’altra volta.

image

Ciomp!

🙂

Poi però ho dovuto pensare al disastro in cucinaimage

😦

Annunci

9 pensieri su “A qualcuno piace grezzo

  1. Bellissima ricetta!😃 io adorando le sarde, sicuramente convinceró mia nonna a rifare questa ricetta! Continua così! Le cose che proponi mi piacciono tutte, perchè ce ne sono tra le più intriganti e quelle più semplici! Un abbraccio😃

  2. anni fa ero molto più snob e penso di aver scritto qualche articolo in cui scomunicavo chi usava il pesce sfilettato che trovi al super.. oggi, invecchiato, maturato, rimbambito (?)… ammetto che, da cuoco casalingo, mi mancano molto le sardine stilettate della coop (ma le trovavo anche al GS) e penso che per chi cucina dopo una giornata di sudore (digitale o vero che sia), siano manna… ovviamente io qui al mio ristorante in UK non ho MAI pensato di comprare kg e kg di pesce e mettermi a pulire & sfilettare.. alla fine un kg di sardine preparate dal pescivendolo mi costano (o meglio mi costavano) come le capesante, ma tempo guadagnato fondamentale (per non dire che io sono una chiavica in tutti quei lavori da chef 🙂 ) + ora che ritorno alla vita civile da massaio domestico devo vedere come si comportano i supermercati inglesi/mentre i pescivendoli qui super efficienti, quelli seri, e il pesce te lo puliscono quasi senza chiedere (MA le sardine qui non si trovano facilmente presso la grande distribuzione, stranamente dato che è anche un pesce local: pilchard dalla cornovaglia = ovvero sardine cresciute/mentre le ho sempre trovate all’ingrosso per il ristorante: misteri uk…)

    + vincenzo, una domanda: ma questa ricetta l’hai inventata o appartiene al tuo bagaglio culturale-famigliare? nel senso che non mi sembra di avere mai visto una tortiera di sarde/alici con pomodoro? … ??
    stefano

    1. In genere preferisco fare da solo, ma col pesce mi faccio volentieri assistere dalle pescherie. Quel pomeriggio poi i due chili di sarde me li sarei volentieri risparmiati, ti confesso.
      Questa credo sia una ricetta di famiglia. L’ho vista fare a mia madre (qualcosa di simile, almeno) tanti anni fa, e mi sembra di ricordare fosse una ricetta di mia nonna (il

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...